Menu

Quanto consuma un tostapane?

0 Comments


Come per ogni altro elettrodomestico, anche l’acquisto di un tostapane comporta che ci si faccia una domanda: quanto consuma? E’ un quesito non da poco, perché può incidere sulle nostre bollette anche in modo significativo. Soprattutto, prima dell’acquisto dovremmo chiederci con quanta frequenza lo useremo.

Quale modello?
Se abbiamo un’attività e prepariamo toast di continuo, dovremmo puntare naturalmente ad un tostapane di una certa importanza, in quanto ci velocizza di sicuro il lavoro. Se invece mangiamo due toast al mese, la nostra scelta ricadrà su un tostapane più modesto.

Quale consumo?
Tuttavia, la semplicità dell’elettrodomestico, non sempre è garanzia di minor consumo. Allo stesso tempo, anche il prezzo, non è indice di minore spesa ma nemmeno di minore potenza. Esistono tostapane che hanno una potenza che va da 850 W a 1850 W. In ogni caso, è appurato che un tostapane di fascia bassa consumi di più rispetto a quello di fascia alta. Questo è dovuto al fatto che i tostapane più semplici impieghino maggior tempo a scaldare le proprie griglie e di conseguenza a scaldare le proprie fette di pane.

Dove informarsi
Nel sito internet: tostapanemigliore è possibile avere diverse informazioni sul mondo dei tostapane. E’ possibile comparare quelli delle migliori marche, consultarne le caratteristiche e capire quale sia quello più adatto alle nostre esigenze. Una interessante tabella, mostra in modo dettagliato il raffronto tra prezzo e potenza, permettendo di farsi un’idea rispetto ai consumi ed effettuare quindi un acquisto consapevole.

Qualche consiglio
Un consiglio per risparmiare energia nell’uso del tostapane, è quello di acquistarlo prestando attenzione all’etichetta, nella quale dovrebbero essere indicati i consumi ridotti durante lo stand-by. Inoltre, acquistando un tostapane con piastra in vetroceramica, è possibile risparmiare in energia, in quanto questo tipo di materiale è in grado di riscaldarsi con maggiore velocità, addirittura in pochi minuti, consentendo quindi un risparmio sul consumo poichè raggiunge presto la temperatura desiderata e quindi si tostano le fette di pane con maggiore velocità.
Stesso discorso vale anche per le piastre ad induzione oppure per quelle di materiale misto, ghisa e vetroceramica.
Questi sono solamente alcuni piccoli accorgimenti che ci permettono di risparmiare in bolletta e allo stesso tempo di acquistare un prodotto che sia davvero adatto alle nostre esigenze, senza incorrere in inutili sprechi.